lunedì 17 febbraio 2014

giù la maschera..fino a che punto esporsi?

non è un post dedicato al carnevale.. anche se di mascherine in giro cominciano a farsi vedere...
ho pensato tante volte a questo post, se fosse stato giusto scrivere qualcosa di molto intimo per me.. se fosse giusto espormi così tanto..
ho creato anche un blog parallelo, anonimo.. ma poi mi sono detta.. perchè devo nascondermi? perchè le cose più intime bisogna sempre nasconderle? perchè bisogna sempre mostrare di stare bene, di essere felici ad ogni costo???
ma soprattutto, perchè se mostro o racconto una parte un pò più buia di me, dovrei vergognarmi??
... lo so, sto dilungando.. ci sto girando intorno senza dirvi un cazzo.. e magari avete già chiuso perchè oggi non vi mostrerò niente di carino..
oggi voglio solo confessare..
oggi cerco un pò di appoggio..
Dio mi ha dato un dono.. la possibilità di creare con le mani, e questa passione, l'ho detto altre volte, forse mi ha salvato.
Dio però si è scordato di concedermi la possibilità di dare la vita, di procreare.. si, perchè a differenza di tutte le altre donne presenti sulla faccia della terra, io non sono fertile.. o meglio, non lo sono più.. lo ero, ma ora non più come prima.. magari a vent'anni.. ma ora, a 35 non più. Si, perchè rientro in quella bassissima percentuale di donne che ha una "bassa riserva ovarica". Oggi, nel 2014, dove c'è chi miracolosamente ha figli anche a 50 anni, c'è invece chi va in menopausa anche prima..
in realtà non mi hanno detto che è impossibile.. ma ovviamente è molto improbabile..
che differenza c'è tra improbabile e impossibile?
sto attendendo ancora una risposta.. in attesa di una risposta ho cercato le migliori soluzioni che oggi la scienza ci da... soluzioni o (false) speranze??
vi chiederete, ma allora perchè non ti sei mossa prima?
semplice
beh, perchè prima non mi è stato possibile.. ovvio.. non ero sposata, e (GUAI A TE!!) ovviamente non potevo rimanere incinta fuori dal matrimonio.. RIPETO GUAI A TE!
mannaggia l'educazione cattolica..
poi, ho conosciuto l'amore della mia vita a 28 anni.. prima mi mancava la materia prima...
28 anni... giovane si, ma non per fare figli.. si, credetemi è così! Perchè anche se l'età media delle persone si è alzata, non è lo stesso per l'età biologica! dicono che l'età feconda in una donna si abbia tra i 16 e i 28 anni. Dopodichè si subisce già un declino. ..TIC TAC..
mettici il fatto di essere state anche precoci, con un menarca a soli 10 anni, l'essersi sposata a 30, ed il gioco è fatto. .. TIC TAC..
quindi quando gli svariati gine che ho visto e che mi hanno esaminato (...) mi dicevano di stare tranquilla e di fare delle belle vacanze, di stare rilassata e di non pensarci, non capivano proprio un c!!!
avrebbero dovuto farmi fare una semplice analisi del sangue.. da cui si evince quanta riserva ovarica hai.. semplice.. la realtà è che i gine sono una massa di ignoranti.. fin quando stai bene, non hai problemi, va tutto bene.. ma se hai un problema non ne sanno mezza..
e poi ti dicono con un bel sorriso che devi stare tranquilla..
tranquilla una mazza!
se devo dare una colpa a qualcuno la do a loro e non incolperò me stessa..
ho scoperto di avere questa benedetta riserva ovarica super bassa solo quando ho deciso di rivolgermi ad un Centro di PMA ( procreazione medicalmente assistita).
ah.. perchè ho aspettato tanto non lo so.. ho aspettato effettivamente 2 anni prima di rivolgermi a loro..
in questi due hanno ho cambiato non so quanti gine.. tutti che mi dicevano la stessa cosa, ma mai uno che mi facesse fare sta cazz di analisi... ed io che pensavo che ci pensavo troppo!
comunque, anche rivolgersi così, di punto in bianco ad un Centro di riproduzione assistita non è mai facile..
la vedevo una cosa così lontana da me, perchè tutti continuavano a dirmi che ero super giovane, che non dovevo preoccuparmi e che presto sarebbe stato il mio turno..
ma poi ho deciso.. perchè aspettare?!
mi sono rivolta a questo centro.. dove la lista di attesa per cominciare a fare qualcosa era di un anno!
cavoli, l'avessi saputo prima..
comunque.. in un anno abbiamo fatto due IUI, ovviamente senza risultato, poi l'anno scorso la prima ICSI.. e meno di 3 settimane fa la seconda.. senza successo.. ma penso già al prossimo tentativo..
molti mi diranno.. ma perchè invece di imbottirti di ormoni non adotti?
ma secondo voi.. porca di quella miseria, non ci ho mai pensato ?
secondo voi non mi prudono le mani per i milioni di bambini abbandonati ?
e anche.. secondo voi, è giusto che per diventare genitore mi indaghino a livello psicologico, sociale, economico... per capire O MEGLIO GIUDICARE se sono un genitore adeguato?
io sono contro questa psicanalisi forzata che gli assistenti sociali e gli psicologi fanno a tutti gli aspiranti genitori che fanno dell'adozione una scelta di vita, e non un ripiego..
e quindi no, se un figlio non viene io non adotto.. mi spiace.. sarò crudele, ma oggi la vivo così!
inoltre nell'adozione non è garantito che il bambino che ti affidano diventi tuo..
si, penso già al prossimo tentativo.. perchè io non mollo, perchè anche se leggo in tutti i forum di PMA che con una ridotta riserva ovarica l'unica soluzione è l'eterologa, almeno ci voglio provare un'altra volta..
almeno.. questo è quello che voglio io.. vediamo il prof cosa mi dirà mercoledi..

mi spiace se ho alcune volte parlato con sigle, ma chi sta affrontando questa battaglia come me sa di cosa parlo..
per tutti gli altri, beh, benvenuti nel mio mondo.. alcune volte non è tutto così semplice o naturale.
nonostante questo, nonostante il fatto di sentirmi sempre incompleta e diversa da tutte le altre donne di questo mondo, sono consapevole di essere fortunata, di avere un marito meraviglioso al mio fianco, che mi sostiene, e mi fa ridere.. nonostante tutto.

perchè ho scritto questo post?
semplice.. per non sentirmi tanto sola, in un mondo pieno di panze.. perchè ogni tanto voglio anche sfogarmi nel mio spazio, e non da un'altra parte...dove non mi conoscono..
perchè qui sono a casa mia, e non voglio nascondermi.. non più.
Gio

25 commenti:

  1. Cara Giovanna...mu hai fatto commuovere....qui puoi parlare e sfogarti ...hai fatto benissimo....hai un dono speciale sei un'artista nel creare come poche al mondo! Questo è il tuo sogno ...non mollare anche se è difficile e spessissimo ti senti giù... ma sei forte e se non verranno bambini lo prenderai in ad odozione e sarà come se tu lo avessi partorito! Io grazie a Dio ne ho tre...l'' ultimo è un bambino iperattivo e ho passato 4 anni a correre e correre dietro a lui...ma ne sono felicissima...sono sicura che andrà tutto bene e io aspetto tue notizie! Ti abbraccio forte Simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara.. grazie 1000
      ci ho pensato davvero tanto prima di scrivere q. post.. ma sentivo di non essere sincera.. di volervi dire sempre qualcosa di iù.. ma ero frenata..
      ora, non potevo più tenere tutto dentro.. sarei esplosa..
      che dire.. spero di darvi belle notizie un giorno! lo spero tanto!

      Elimina
    2. sei una persona creativa e le persone che hanno questo dono fanno sempre qualcosa!!!!sogni d'oro simona:)

      Elimina
    3. sono sempre io...non ti ho detto che ho avuto tre aborti e poi tre bellissimi bimbi.....per questo attacchi di panico..ma la forza pian piano ritorna!baci

      Elimina
    4. grazie per le tue parole.. sto imparando che bisogna sempre rialzarsi.. e si, anche se piano piano, la forza ritorna.. è che certe volte pensiamo di essere più deboli.. ma mi accorgo che abbiamo una forza incredibile!
      ti abbraccio forte!

      Elimina
  2. Ciao Giovanna! Sai una cosa? Hai fatto bene a sfogarti... a volte è molto più semplice farlo sulla rete che con le persone che ci stanno intorno... Ti voglio dire una cosa... non mollare mai, non perdere mai la speranza... Hai ragione, avrebbero potuto avvisarti prima, ma ormai è andata così e non puoi dannarti la vita. Puoi solo continuare a sperare. Io anche ho avuto una brutta esperienza a causa di questi stramaledetti errori medici... Avevo una tosse persistente, che durava ormai da due mesi... La mia dottoressa mi riempiva di farmaci e antibiotici ma non passava. Nel frattempo il ciclo non veniva, e lei sosteneva si trattasse dell'effetto potente degli antibiotici che me lo avevano bloccato. Beh invece ero incinta... Ero incinta, non lo sapevo perché avevo sempre preso precauzioni... Ero incinta e tutti quegli antibiotici avevano fatto del male al mio bambino... Sono stata da una marea di ginecologi, volevo sentirmi dire che il rischio era minimo... Tutti mi dicevano la stessa cosa... Sono stata anche da un obiettore di coscienza. Mi dicevo "Cavolo, lui non potrà consigliarti di abortire, la sua morale glielo impedisce!". E invece quel lui mi disse che non voleva avere sulla coscienza un bambino malformato, con malattie cardiache, forse un vegetale. Ho sofferto, ho sofferto tanto. Avevo solo 21 anni, un lavoro da 750euro al mese e un ragazzo disoccupato... Non so come avrei fatto, ma avrei preferito tenerlo quel bambino. Ma alla fine ho dovuto farlo. Ho dovuto far prevalere la ragione sui sentimenti... E' stata l'esperienza più brutta della mia vita, ho avuto crisi di panico da allora, e tutti i giorni prego il Signore di non punirmi per questo mio gesto, di darmi ancora altri bambini... Non mi sto mettendo alla ricerca di un bambino perché ora ho 24 anni (domani), ma la situazione non è cambiata, il mio ragazzo non ha un lavoro, il mio stipendio è di appena 850euro anche se arrotondo un pò con le ripetizioni che mi fanno guadagnare un 200 euro al mese circa... Però con questo non si può crescere un bambino. Tanti lo fanno ma sono aiutati dai genitori, io non ho genitori benestanti, e non voglio far crescere mio figlio come sono cresciuta io, non voglio impedirgli di andare ai compleanni degli amichetti, non voglio impedirgli di andare all'Università se lo meriterà... Quindi non posso fare altro che aspettare... E sperare che tutto si sistemi e che il Signore non sia così arrabbiato con me... E tu devi fare la stessa cosa. Sono sicura che un giorno ci darai una bella notizia ;)

    RispondiElimina
  3. Cara Giovanna, sto cercando di scrivere questo commento da un pò, scrivo e cancello....chissà se alla fine scriverò quello che voglio dire. Hai fatto benissimo a sfogarti, non posso capire come ti senti, solo chi ci è passata può farlo. Ma non mollare mai, conosco persone che, dopo aver perso ogni speranza, anche quasi a cinquant'anni ci sono riuscite, comunque lo leggo dalle tue righe che non molli, sei forte, più di quanto credi, incrocio le dita per te!! Ti abbraccio Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie elisa, apprezzo le tue parole.. solo chi ci è passata o chi è in mezzo può capire..
      grazie per l'appoggio.. e si, mi sono accorta che sono più forte di quanto credo..
      ti abbraccio forte!

      Elimina
  4. Cara Giovanna è la prima volta che capito in questo Blog e leggo questo post. ..non so se credi o meno a Dio, ma se Dio lo vorrà, tu sarai una mamma meravigliosa. Non perdere la speranza. Il disegno di Dio è più grande di noi e spesso non capiamo perché certe cose accadano ma c'è sempre un motivo x tutto. Io mi sono sentita dire a 18 anni che avrei fatto molta fatica ad essere mamma e forse non lo sarei mai stata per via di una policistosi ovarica bilaterale. Poi a 25 mi sono sposata e ho provato subito ad avere un bambino ma x due anni non c'è stato verso...quando poi finalmente nel 2004 era maggio sono rimasta incinta. Puoi immaginare quanto fossimo contenti mio marito ed io...andiamo alla prima ecografia e sembra tutto bene ma il cuoricino aveva un battito strano un po' debole..."non si preoccupi signora mi diceva il ginecologo. Prenda le vitamine e ci vediamo fra qualche settimane". Poi dopo 3 settimane un sogno, un sogno terribile dove io perdevo il mio bambino e me lo trovavo tra le mani, grande come il palmo della mia mano. Quella mattina ero spaventata. Era giugno e cominciai ad avere mal di pancia. Allora andai al pronto soccorso. Mi visitatarono in maniera tradizionale e tastando sentirono che la sacca era presente e mi dissero: "perché è così preoccupata signora. Va tutto bene" "no" dissi "c'è qualcosa che non va". "Va bene signora le facciamo una ecografia". La fecero e la riceverò. Mi guardarono sbalordite. Il cuore non batteva più e il bimbo... "come faceva a saperlo signora. Probabilmente aveva una malformazione cardiaca". "l'ho sognato" gli dissi "mio figlio mi ha detto addio". Feci il raschiamento qualche giorno dopo perché non volli farlo subito "magari si sono sbagliati. Magari io mi sono sbagliata" dicevo...ho pianto tanto e gridato nel risveglio dall'anestesia "non toglietemi mio figlio. Lasciatemelo." una signora nel letto vicino quando mi ripresi mi disse: "hai pianto sai. Gridavi" mi vergognai, lei aveva 42 anni e le sue speranze cominciavano ad affievolirsi... "come, tu prima mi sorrideva e mi incoraggiavi e ora...pensa che tu hai 27 anni io ne ho 42. Vedrai che avrai tanti bimbi, almeno 4". Ero distrutta. Diventò una fissa e sentivo che tante dopo 40 g rimanevano ancora incinta e io niente passarono i mesi e io non facevo altro che piangere. Poi accadde, accadde di nuovo il miracolo della vita. Un giorno bellissimo che non scorderò mai più. Il 26 dicembre c'era stato il disastro dello tsunami il 28 dicembre feci il test ed era positivo. Nella tristezza di tante vite spezzate, il dono di una nuova meravigliosa vita. Al terzo mese poi feci un sogno, l'Arcangelo Gabriele mi disse: "avrai un maschio" qualche giorno dopo nell'economia si vide perfettamente che era un maschietto: "non possiamo che chiamarlo Gabriele" dissi a mio marito. Ora abbiamo tre bellissimi figli. E ancora oggi ho pianto nello scriverti la mia storia e nel ricordare quel figlio perduto. Ma a quella profonda tristezza è susseguita tanta tanta gioia. Non perdere mai la speranza.
    Un forte abbraccio.
    Manu

    RispondiElimina
  5. Scusami per gli errori e se sono stata un po' prolissa...
    ciao
    manu

    RispondiElimina
  6. Beh tanto é stato già scritto e lo condivido....io ti dico solo tieni duro che cela farai!un abbraccio Sy

    RispondiElimina
  7. Cara Giogiò, potrei farti una lista lunghetta delle persone che conosco che hanno intrapreso la tua stessa strada.
    Due mie colleghe ce l'hanno fatta, una è andata all'estero, un'altra si era rassegnata ed alla fine è rimasta incinta naturalmente. Una mia carissima amica prova da due anni, ha ancora un tentativo in canna.
    Non so che dire, so cosa si prova quando si desidera ardentemente un bimbo e non viene. E so cosa si deve passare quando si vuole adottare : ti sfiniscono all'inverosimile e ti fanno venir voglia di mollare. Con l'adozione internazionale è uno schifo! Non sai mai che bimbo ti arriva. IL mese prossimo una coppia di amici adotteranno un bimbo di 4 anni indiano. Di solito mandano via le femmine, i maschi li tengono, ma questo è nato con i piedi torti, quindi lo svendono. Sì perché devi pure pagare! Dimmi tu se non fa schifo questo!
    Quando ero giovane e non avevo la materia prima come dici tu, con i miei genitori abbiamo preso in affido un bimbo di 6 mesi. E' rimasto con noi 1 anno, poi l'hanno adottato. Un anno meraviglioso! Lasciamo perdere le assistenti sociali ( ne ha cambiate ben 3 ), il peggio è stato il distacco. Un dolore lancinante. Se mi avessero amputata penso non avrei sofferto tanto!
    Bene, volevo risollevarti e ti avrò depressa ancora di più.
    Comunque non mollare. Chissà che la vita non ti riservi qualche bella sorpresa! Te lo auguro di cuore!
    Un abbraccio forte forte. Ros

    RispondiElimina
  8. grazie Ros, sei molto cara!
    l'adozione non funziona assolutamente purtroppo .. con tutti i bimbi al mondo che ci sono e che avrebbero bisogno di una famiglia!
    mah.. che dire.. l'importante è non arrendersi mai, inseguire i propri sogni
    un bacione

    RispondiElimina
  9. Sono incinta...una gravidanza non programmata...una gravidanza gemellare ( che sorpresa quando il gine lo ha detto!) ....ma... monocoriale mono amniotico...i feti sono nella stessa sacca con la stessa placenta...un caso su 25.000 difficilissimo da portare avanti mi hanno detto...ieri la terza ecografia alla decima settimana....uno dei due cuccioli non cresce piu...e di corsa un raschiamento prenotato per la prossima settimana..il mio compagno è inconsolabile e io devo farmi forza per entrambi...posso solo pensare che ..NON ERA IL MOMENTO...e che dio me li rimanderà quando sarà il momento...non è una consolazione Gio...ma...ANDRA' TUTTO BENE....me lo sento.In un modo o in un altro...sarai mamma....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nooooo, giò mi dispiace tantissimo.. non sai quanto, e per quanto possa significare, so come ti senti! anche io ho avuto una gravidanza che poi non è andata.. ti auguro con tutto il cuore tutto il bene possibile
      un grande abbraccio
      Giovanna

      Elimina
  10. Cara Giovanna,
    sono rimasta molto colpita dal tuo sfogo. Ti seguo da anni ed è come se un po' ti conoscessi, quindi mi ha fatto piacere che tu abbia condiviso con me e con gli altri "seguaci" la tua storia, hai fatto benissimo a parlarne apertamente. Anche perchè è un argomento indubbiamente doloroso che non va tenuto per sè o rischia di fare ancora più male. Uno sfogo in questi casi è necessario.
    Non ho avuto il tuo problema e so solo lontanamente cosa significhi, perchè ci sono passate alcune mie amiche. E' normale che ti senta delusa dai medici e dalla vita, dal tempo che scorre inesorabile, ma non per questo devi sentirti meno donna o diversa di chi ha avuto dei figli. Mi viene in mente una donna su tutte: Rita Levi Montalcini! Non ha mai avuto figli ma è indiscutibilmente una di quelle donne che alzano notevolmente la media della nostra categoria!
    Allo stesso tempo posso dirti che anche avere dei figli a volte comporta dei problemi, del dolore e della sofferenza. Io ho una figlia di 11 anni che amo alla follia, anche se non l'ho avuta per scelta. Sono stata vittima di abusi da parte di un familiare. Avevo 26 anni ed ero single. Quel GUAI A TE era stato detto più volte anche a me... ma l'idea di abortire, nonostante tutto, proprio non mi passata per la testa.
    Se Dio mi aveva dato quel figlio un motivo c'era (come ha scritto qualcuno prima di me, un motivo c'è sempre!) e così ho pensato di fare la cosa giusta portando a termine la gravidanza e diventando madre di MIA figlia.
    Sono stata abbandonata da tutti! Principalmente da tutti i parenti. Nonostante tutti sapessero, lui l'ha passata liscia ed io sono stata additata come una "poco di buono" (per usare una definizione edulcorata di ciò che mi sono sentita dire).
    Non ho vissuto la gravidanza come il periodo stupendo che le madri descrivono ed anche i primi anni di maternità non sono stati affatto semplici.
    Ma ho lottato per quella figlia che ormai c'era e faceva parte di me. L'ho voluta a dispetto della mia "reputazione".
    Ancora oggi c'è chi reputa mia figlia un errore. Forse, ma non è il mio errore. Io so in cuore mio di aver fatto la scelta giusta, ma ti garantisco che è una lotta continua, contro l'ignoranza della gente in primis e contro uno Stato ed una giustizia che non esistono.
    So che dovrò lottare anche con mia figlia perchè un giorno sarò costretta a dirle tutta la verità. Per ora sa solo suo padre non merita di essere chiamato tale perchè non la voleva ed ovviamente non le ho mai detto chi sia... Spero capirà e che mi perdoni per averle nascosto la verità così a lungo.
    Mi sarebbe piaciuto avere altri figli, concepiti con e per amore... ma per vicissitudini e per quell'esperienza (che ovviamente mi ha segnata) non ho mai trovato l'uomo giusto ed ora, a 37 anni, ho definitivamente abbandonato l'idea.
    Ciò che conta è avere qualcuno da amare, che sia un familiare, un amico o un animale domestico. Hai tuo marito e la tua creatività, la passione per quello che fai (e lo fai benissimo!).
    Detto questo, ti auguro di cuore di realizzare comunque il tuo sogno. Non rinunciare mai a lottare per quello che vuoi! Hai tutto il mio appoggio.
    Spero di avere presto tue buone notizie.
    Un abbraccio,
    Katia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. katia, ti ringrazio molto per la tua esperienza.. e per il tuo appoggio.
      hai ragione.. l'importante è avere qualcuno da amare, e dico io, essere amati da qualcuno.
      ti abbraccio calorosamente
      Gio

      Elimina
  11. Cinquantadue anni, du figlie avute una a 40 ed una a 44, diversi anni di calvario e di aborti ....... si può sopportare tutto, è il fine che conta, di no mollare telo hanno già detto. Io ti dico di andare avanti la medicina non è una scienza esatta se è nella tua storia di avere figli, li avrai. un bacio
    Fiammetta

    RispondiElimina
  12. Ciao Gio', stando poco al pc mi son persa dei tuoi post e leggere questo mi lascia un misto di emozioni...hai fatto bene a scriverlo, buttare fuori qualcosa che dentro pesa è secondo me sempre meglio. Posso dirti che mia figlia è venuta quando meno ce l'aspettavamo perchè per dei problemi di cisti mi dicevano che avevo un ambiente infertile momentaneamente...lei li ha voluti smentire! Una mia amica per nove anni non ne ha avuti convinta da una serie di medici e di problemi ovarici che era sterile... poi due gemelli senza far nulla.Lei per un 6-7anni era ossessionata dall'idea di averne, di trovare il modo di farne...quando si è rassegnata sono venuti i gemelli.
    Ti auguro che una piccola vita ti sorprenda ...perchè in fondo ti hanno detto che hai una bassa massa ovarica e non che non ce l'hai più... spera ma lascia fare al destino.Spesso è lui che viene incontro a noi perchè ha visto che abbiamo fatto più che mezza via per andargli incontro noi!
    Un abbraccio grandissimo .

    RispondiElimina
  13. Hodimenitcato di dirti che mi hanno dato cura per le cisti da fare per due mesi e dopo avrei dovuto prendere la pillola sempre come cura per le cisti...era novembre e il 19dicembre ho iniziato ad avere male di pancia come fosse appendicite...ero giù al mio paese e dall'esame del sangue risultava l'appendicite infiammata, ma quando son tornata su e ho fatto controlli mi hanno fatto tremare dicendomi "C'è uno strano ristagno ematico ellittico" pensavano a un tumore iniziale... invece era un fagiolino di vita: mia figlia che si è palesata negli esami dell'ormone della gravidanza che mi hanno poi fatto fare solo per scrupolo.E Sara era già all'8settimana... e con tutte le medicine che avevo preso so io la paura che avrebbero potuto avere ripercussioni su lei...ce la siamo cavati con una forte intolleranza al latte e la dermatite atopica data forse dagli antibiotici e altro.
    Abbi fede ...la forza ce l'hai già e ce la puoi fare : )

    RispondiElimina

grazie per il tuo commento!

Giogiò

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails